CULTURE

Nuovo Centro Direzionale della Regione Siciliana

La Sicilia è l’isola del vento! Il vento plasma in forme fluide il parco della Nuova Sede della Regione Sicilia generando un luogo, contemporaneo ma radicato alla multiforme tradizione del giardino siciliano.

Play Video

In Sicilia l’uomo, nei secoli, ha imparato ad adattarsi e a trasformare il vento in risorsa così come il clima temperato ha garantito nei secoli l’impronta dell’Eden, anche quanto “tirava” vento di Scirocco.
L’area della Nuova Sede della Regione Sicilia è la rappresentazione del potere istituzionale, autonomo e complesso che ha fatto la storia di questa terra. Si colloca in un contesto periurbano, prossimo alla stazione ferroviaria con aree verdi degradate. Ma il futuro parco del nuovo edificio implementa la qualità ambientale della città con la sua nuova vocazione urbana mediante la valo­rizzazione di un sistema di spazi pubblici verdi diversificati e integrati.

Nello specifico il verde assume il valore:
Ecologico di biodiversità e di riduzione dell’effetto isola di calore, di erosione del suolo, di ruscellamento delle acque di scolo, di livello di rumore e di inquinamento dell’aria.
Sociale di sicurezza e comfort con specie a basso contenuto di polline, con promozione di attività ricreative legate alla natura e al relax.
Paesaggistico di guida alla lettura dei diversi micro-ambienti legati al contesto locale.

L’intero parco è stato studiato come verde fruito da chi lo attraversa come pedone, ma anche come verde percepito da diversi punti di vista. E’ il salotto di questa porzione di città, fruibile in tutte le stagioni. La densità di specie del piano arboreo crea un grande spazio d’ombra, di frescura e di protezione dal vento.
Il parco è strutturato in percorsi ciclopedonali che seguono le altimetrie su quote diverse e una pendenza del 5% favorendo anche la deambulazione a persone con difficoltà motorie.
Sui percorsi si attestano delle stanze verdi, i BELVEDERI che portano i nomi delle piante dominanti presenti.
Essi sono il BELVEDERE delle PALME, IL BELVEDERE dei FICUS e il BELVEDERE degli EUCALIPTI (piante esistenti). Altre stanze sono l’AGRUMETO MATEMATICO, il TEATRO NATURALE, il PLAYGROUND e il GIARDINO DEL VENTO.
L’AGRUMETO MATEMATICO è una stanza di diversi tipi di agrumi: bergamotto, arance, limoni e il loro sesto di impianto è fatto secondo un principio antico di coltivazione.
Il TEATRO NATURALE sfrutta l’andamento dei diversi pendii concavi con sedute e un palcoscenico in piano per manifestazioni all’aperto in uno spazio protetto e lontano dall’edificio.
Il PLAYGROUND si trova su un piano leggermente scavato prossimo all’edificio dove i ragazzi delle scuole possono uscire e frequentare in totale libertà e sicurezza.
Il GIARDINO del VENTO si trova sul fronte di ingresso di rappresentanza della Sede della Regione. E’ costituito da salotti verdi, con specie profumate che creano un fronte protetto rispetto la strada principale e l’accesso alla rampa del parcheggio sotterraneo.

Gli ACCESSI al parco si attestano:

  • sull’asse di via Ugo la Malfa dove un filare di pini fa da spartitraffico tra il tram, la strada veicolare a funzione ridotta e I RAIN GARDENS, come margine di conteni­mento del muro di sostegno rinverdito e l’ingresso al parco dal Belvedere delle Palme;
  • dalla stazione al piano di ingresso del basamento dell’edificio.

L’ACQUA assume diverse forme e usi: da vasche d’acqua nel GIARDINO MATEMATICO a giochi con zampilli sulla pavimentazione del GIARDINO del VENTO a strutture di bio-ritenzione con i RAIN GARDENS.

– Info

Location:

Palermo

Cliente:

Regione Sicilia

Anno:

2020 – In Progress

Area:

35 000 m2

Team Design:

Agence Rudy Ricciotti, Lamoureux&Ricciotti Ingénierie, Peluffo&Partners Architettura, JG Ingenieros, S.A., I.E.C. – Industrial Engineering Consultants s.r.l., MIC – MobilityinChain s.r.l., ing. Lorenzo Molteni, dott. Geol. Giuseppe Avellone, HMR Ambiente s.r.l. Fabrizio Plessi

Progetti correlati

FONDAZIONE LUIGI ROVATI – MUSEO ETRUSCO
MoLeCoLa
MASTERPLAN EX SA.BA.PA.
This site is registered on wpml.org as a development site.